Gestire un fermo amministrativo o sequestro di un veicolo

Gestire un fermo amministrativo o sequestro di un veicolo

Alcune violazioni della normativa vigente prevedono l'applicazione di una sanzione pecuniaria e possono imporre conseguenze sul veicolo utilizzato. L'organo che contesta la violazione redigerà infatti due atti, uno riguardante la sanzione pecuniaria ed uno relativo al verbale di eventuale fermo amministrativo o sequestro amministrativo del veicolo. Il fermo amministrativo è disposto dal Decreto legislativo 30/04/1992, n. 285, art. 213 e sottrae la disponibilità del bene al proprietario per la durata stabilita dalla norma violata. Può avvenire nei casi in cui: 

Il fermo o il sequestro amministrativo dura fino alla sentenza del giudice penale o del giudice di pace, ed è disciplinato dal Decreto legislativo 30/04/1992, n. 285, art. 224-ter nei casi in cui:

Il fermo o il sequestro amministrativo avviene concretamente con la presa in custodia del veicolo da parte di un soggetto con i requisiti necessari o con il prelievo e l'affidamento a una depositeria convenzionata. Se il veicolo è un motociclo o un ciclomotore verrà prelevato e consegnato ad una depositeria convenzionata e avrà una permanenza obbligata di almeno 30 giorni, fatto salvo il caso della circolazione senza casco protettivo (Decreto legislativo 30/04/1992, n. 285, art. 170).

Approfondimenti

Affidamento a un custode

Il fermo o il sequestro amministrativo avviene affidando il veicolo al proprietario, al conducente o a un obbligato in solido, che in fase di accertamento del verbale è obbligato a custodirlo in un luogo non sottoposto al pubblico passaggio ma verificabile dalla pubblica autorità. Il custode deve provvedere al trasporto del veicolo in condizione di sicurezza per la circolazione stradale. 

Se il custode non è più in grado di custodire il veicolo, deve comunicare il cambio di custodia.

Se il proprietario del veicolo sottoposto a fermo o sequestro amministrativo si rifiuta di custodire o a trasferire in luogo indicato il mezzo, sarà soggetto a una sanzione prevista dal Decreto legislativo 30/04/1992, n. 285, art. 213.

Affidamento a una depositeria convenzionata

Se il veicolo sottoposto a fermo o sequestro amministrativo non può essere affidato ad un custode o se si tratta di un motociclo o ciclomotore verrà consegnato ad una depositoria convenzionata con l'ente accertatore della violazione.

Nel caso di motocicli o ciclomotori, i veicoli restano in depositoria per 30 giorni e il proprietario, alla scadenza della permanenza obbligatoria, dovrà presentare apposita domanda per chiedere il cambio di custodia.

Se il proprietario del veicolo non è presente o non c'è la possibilità di assegnare il veicolo a un soggetto idoneo, si procede con il prelievo del mezzo. Il deposito custodirà il veicolo per 10 giorni, e se il proprietario non chiederà un cambio di custodia affidandolo ad un soggetto idoneo oppure il dissequestro del mezzo, la proprietà del bene passa al deposito (che potrà anche demolirlo).

Le spese o il recupero del veicolo sono sempre a carico del proprietario o del trasgressore.

Se il proprietario del veicolo sottoposto a fermo o sequestro amministrativo si rifiuta di custodire o a trasferire in luogo indicato il mezzo, sarà soggetto a una sanzione prevista dal Decreto legislativo 30/04/1992, n. 285, art. 213.

In Comune di Cremona…

Il fermo ed il sequestro amministrativo comportano le spese di trasporto del carro attrezzi fino alla depositeria e le eventuali spese di custodia (fino a quando il veicolo rimane in custodia alla depositeria).

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet del Comune.

Puoi trovare questa pagina in

Io sono: Automobilista
Sezioni: Polizia locale